Coperture e palloni pressostatici

Il pallone pressostatico rappresenta la migliore soluzione per utilizzare gli impianti sportivi nelle stagioni più fredde e per poterci giocare all’aria aperta nelle stagioni calde. La nostra copertura pressostatica viene progettata e prodotta con materiali e componenti di alta qualità ed a norma CE e per il montaggio si avvale di personale qualificato. I palloni pressostatici sono la soluzione più efficace ed economica per la realizzazione di spazi temporanei indoor, sono sostenuti semplicemente da una sovrappressione d’aria e possono essere montati e rimontati in una giornata.

Realizzabili sia in singola membrana che in doppio telo per ottenere un miglior risparmio energetico derivante dalla maggiore coibentazione; la membrana, singola e doppia è costituita da un tessuto in fibra sintetica di poliestere, di diverse grammature, ad alta resistenza ed impermeabilizzata con spalmature di PVC su entrambe le facce ed è ignifugo di classe 2. Nel caso di doppia membrana parte dell’aria che viene immessa nella struttura dal soffiatore viene convogliata con una manichetta tra le due membrane creando una intercapedine aumentando l’isolamento della copertura verso l’esterno, questo cuscinetto permette di contenere le dispersioni termiche che si traducono in risparmi energetici sia di calore che di energia elettrica. La doppia membrana permette di ridurre al minimo l’effetto condensa.

Il telo di copertura viene fissato a terra tramite un tubo in acciaio perimetrale inserito in una tasca in PVC rinforzata ed agganciato a degli anelli ancorati nel cordolo in cls, il telo in PVC a terra ha una doppia patella, interna ed esterna, per eliminare le perdite d’aria e per far defluire le acque meteoriche.

Il principio di funzionamento delle coperture pressostatiche consiste nell’immettere all’interno dell’aria creando un valore di pressione interno superiore a quello esterno, l’aria viene prodotta da un generatore d’aria, posizionato sul perimetro della struttura, il quale ha anche il compito di riscaldare l’aria durante la stagione più fredda tramite un bruciatore. In caso di guasto all’impianto o di  perdurante mancanza di energia elettrica il calo di pressione interna viene rilevato dal pressostato che mette in funzione automaticamente un gruppo di emergenza a riportare la pressione interna idonea. La potenzialità della macchina varia a seconda della grandezza della struttura e del volume da riscaldare.

L’impianto di illuminazione è composto da un quadro elettrico posto all’interno di alimentazione e distribuzione e da proiettori  completi di lampade agli ioduri metallici o al LED, l’impianto viene fornito di progetto e certificazione.

Per l’accesso all’interno del pressostatico viene utilizzato un tunnel con una doppia porta oppure per agevolare l’ingresso a più persone una porta girevole a settori realizzata in alluminio e lamiera verniciata a polvere, come uscita di sicurezza una porta in alluminio pannellata da 1,20 x 2,20 fornita di maniglione antipanico.